14 September 2013

In campeggio nelle Cévennes

Avevo già fatto le lodi del campeggio e di come ci ha rimesso al mondo. La mia cartolina per l'iniziativa #cartolinadallevacanze voglio che abbia il timbro proprio di quel campeggio lì.

Non abbiamo fatto vacanze ontheroad come la Patafamily, che ha macinato chilometri... Eravamo troppo stanchi e poco energici, avevamo bisogno di ricaricare le pile, come si suol dire. Ci siamo quindi immersi nel verde, total green, verde dappertuttto. Che bellezza. Undici notti in un'oasi di pace, sul fiume Hérault, in un campeggio parecchio babyfriendly: Isis en Cévennes. A 45 praticissimi minuti da Montpellier, un pochino più in là di Ganges, località Saint Julien de la Nef.

Tantissima ombra per il caldo del giorno, temperature parecchio fresche la notte, che hanno conciliato nottatone di sonno epiche per un Pistacchio dormiglione (lo sapevate che i bimbi non temono il freddo? Io no, stupore massimo).  Diverse semplici, bellissime, passeggiate possibili direttamente dal campeggio. Un percorso bello e breve come piace a me (3 km) per la mitica corsa al passeggino, a.k.a. inventati qualcosa per lasciare dormire papà ancora un pochino. Tante letture nell'amaca, l'amaca è un must per il campeggio. Il fiume con due spiaggette accessibili da dentro il campeggio. Stazioni lavapiatti immerse nel verde, ne abbiamo parlato con Robin di lavaggio piatti meditativo . Fontanelle d'acqua vicine alle piazzole, un bagno babydesigned con vasca altezza schiena-friendly per il bagnetto (come ho fatto a dimenticarmi di fotografarlo!!?? sgrunt sgrunt). Piscina e piscinetta ad acqua bassa per i piccoletti, l'acqua era bella fredda, ma non stiamo a sottilizzare.  Un giorno a settimana la visita di una massaggiatrice, mi pento di non aver approfitttato, mi immagino stesa lì in mezzo a tutti quegli alberi. 

Un paradiso.

Ho provato una app per i collage, forse mi son fatta un po' prendere la mano...
Vi piacciono?


Il campeggio



Un sogno per il futuro



Le passeggiate



Tipi da campeggio



Cose da campeggio

30 comments:

  1. ....mai stata in campeggio...
    che dire...
    mi fa quasi timore, non sono portata per la vita all'aria aperta io!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Non è obbligatorio :)
      A me MI rimette al mondo!!

      Delete
  2. Il relax si trasmette perfettamente dai bellissimi collage!!!
    Pistacchio sembra più grande di quello che è, ma quanto è bello seduto sulla sedia?
    Abbiamo la stessa moka, diverso solo il manico, che è sempre venuta con noi in ferie.
    Grazie per la citazione, io ti ho citato in un post di qualche giorno fa a proposito del "corteggiamento".

    ReplyDelete
    Replies
    1. Me lo sono perso!
      Ho i timore che bloglovin mi fa perdere colpi!!

      Delete
    2. Pure io ho gli stessi timori, infatti dopo aver letto i post vado in home a vedere se mi sono persa qualcosa (son passata da Old Reader a Feedly).

      Delete
  3. Io non sono da campeggio, però le tue foto, quel "pulmino" colorato, il verde, le tue parole, fanno venire voglia!!
    brave..bello il collage, ma che app è???

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si chiama Photo grid, la primissima che provo. Mi sono divertita tanto!!

      Delete
  4. Ma dai....è bellissimo. Io adoro il campeggio anche se è un'esperienza che per qualche motivo o per altro rimando sempre!! Belle foto....ti immagino sull'amaca a leggere mentre fra le chiome degli alberi squarcia un po di sole di tanto in tanto :) Mi piace

    ReplyDelete
    Replies
    1. Proprio così! Quell'amaca l" ho accolta come una di casa!! Il campeggio pere è magia. È stato magnifico poterlo condividere col piccolo!

      Delete
  5. Che bello! Cresciuto Pistacchio ;)

    P.S. Ancora foto da "riflesso" :)))

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si ma un riflesso banale stavolta!!

      Delete
  6. con i bimbi, ma anche senza, campeggio tutta la vita!
    io ogni tanto lancio spot promozionali a favore del camper a mio marito, ma in questo momento siamo a secco e non possiamo fare investimenti.
    poi non so, a volte penso che comporterebbe spese di manutenzione e costi accessori equivalenti a più di quanto spendiamo ora per viaggiare...però la voglia ogni tanto mi assale.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Vero, il camper è impegnativo! Io sogno un furgoncino come quelli in foto. In USa avevamo un furgone do momr Bob, compagno di mille avventure. È stato divertente!

      http://squabus.blogspot.fr/2007/02/luigino-partito.html?m=1

      Delete
  7. Che belle foto e che bel racconto, mi sono rilassata pure io per osmosi!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Fantastico, torna ogni volta chr ce n'è bisogno! !
      ;)

      Delete
  8. Non sono mai stata in campeggio con le mie figlie, penso che loro ne sarebbero entusiaste...mentre io e mio marito rischieremmo seriamente il divorzio nella fase di montaggio della tenda (diciamo che le nostre abilità manuali sono "un po' limitate")

    ReplyDelete
    Replies
    1. Assolutamente si! Ho parlato dei benefici e vantaggi del campeggio qualche post fa...
      Montare la tenda si impara! E comunque quasi tutti i benefici applicano anche alla vacanza in bungalow! ! Vale la pena provare!!

      Delete
    2. Io, che a sentir parlare di tenda mi si arricciano le dita dei piedi, sono tornata anche quest'anno in bungalow: per me è la soluzione perfetta!

      Delete
  9. Ho fatto solo campeggi estremi con gli scout in cui ti lave nel fiume e ti "scavi" il bagno!
    Ora faccio la comoda e vado in albergo o in casa!
    Pero' sono sicura che per i bimbi sarebbe magico!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Assolutamente! !! Magico per loro e anche per te! Saranno troppo impegnati a giocare con i mille bimbini da campeggio delle piazzole o bungalow circostanti per ripetere come u mantra quella parola abusata che sai tu... il campeggio è strateggggico, senti ammè (;

      Delete
  10. La vaschetta a prova di schiena???
    No aspetta che di quel campeggio lì voglio i dettagli!!:)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si, guardami è parso un accorgimento davvero carino! ** Ma com'è che non l"ho fotografato, non mi capacito... Pistacchio poreva fare anche la doccia, alla fine. Ma adora il bagnetto e quello era diventato un momento carino nella routine campeggistica!

      **Com'è che non l'ho detto? Il campeggio era pieno di olandesi! !!dove c'è Olanda c'è babyfriendliness! !

      Delete
    2. L'avevo linkato ma con questo template non si notano i link
      http://isisencevennes.fr/
      Semplice e bello!

      Delete
  11. Non l'avevo visto!grazie!
    ps per noi sarebbe stato fondamentale...il Patato odia la doccia e piange ogni volta...di solito ci portiamo la piscinetta gonfiabile ovunque...
    pps w l'Olandia!;)

    ReplyDelete
  12. Che bella questa iniziativa, devo andare a leggere come si deve fare, io veramente il racconto delle vacanze l'ho già fatto ... potrei aggiungere giusto qualche foto ...
    Come già ti dicevo il campeggio non è nelle mie corde ma le tue immagini rendono l'idea della libertà, del contatto con la natura e della serenità.
    Ma che cucciolo meraviglioso hai!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Che bello! Si volevo invitarti giusto a partecipare proprio con quel post! Non c'è bisogno di scrivere un nuovo post, l'idea è proprio raccogliere ricordi (e con spirito pratico informazioni!! IL tuo post mi aveva ispirato particolarmente, mi somo appuntata le informazioni! !)
      Da Francesca a fondo post troverai un bottoncino di inlinkz, se clicchi apparirà il campo doveinserire il link al tuo post
      :)
      Che buon umore!!

      Delete
  13. Bello!!! che voglia, e... condividiamo lo stesso sogno per il futuro! ma per me è una battaglia persa, temo

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dai! Sognare non costa nulla.. poi 'si sa mai..
      ;)

      Delete
  14. ahahahahah ... ma questa è vera sintonia!!! Anch'io ho appena pubblicato un post sui nostri Campeggi dell'estate e sempre in terra francese. Un mix tra te e la patatofamily visto che era un viaggio ontheroad ...
    bello davvero averti scoperto!

    ReplyDelete

Io lo so cosa stai pensando.
Lo scrivo, non lo scrivo, quasi quasi lo scrivo. Ma no dai...
E' lo stesso che penso anche io quasi ogni volta.
Ma tu prova, prova a lasciare una traccia.
Non sarà invano.

Prova pro-pro-prova