01 September 2014

in attesa

come arrivare fino a martedì?

Ma anche a lunedì sera per cominciare.
Col fiato sospeso, sicuramente. A testa bassa e con molta cautela. Un passo per volta.

L'incazzatura mi porta fortuna, parrebbe. O almeno sto sperando che sia fortuna. Che non sia solo un anticipo di speranza seguito da tanto dolore.
Il giorno dopo aver scritto quel post tutto incazzoso sull'utero a banana e tutto il resto, mi svegliavo ad ore antelucane - e questo non è una novità-  andavo in bagno dove avevo preparato una confezione di bicchierini di plastica. Per le buone occasioni. Dopo aver pisciato con molto amore e molta cautela nel mio bravo bicchierino ci immergevo uno stick e aspettavo qualche minuto.

Positivo. Banda lievissima, ma positivo. Parrebbe che il mio utero a banana sia abitato. Tutta cauta sono tornata a letto con gli occhi fissi al soffitto.
Quando il chercheur si è svegliato gli ho comunicato la notizia, sempre con molta cautela. L'ho già detto che mi sento di essere molto cauta? Cauta ora è il mio secondo nome. Squa quella cauta.


Qualche giorno dopo andavo a fare le prime analisi. Quelle che spero essere le prime di una lunga serie, spero perché i risultati non sarebbero incoraggianti. Ecco io in realtà ho cominciato a scartabellare l'internet e ravanare in google scholar a cercare informazioni, dritte e dati scientifici.  MI sono molto arrabbiata (visto che porta bene) per il fatto che in alcuni paesi i valori che ho visto nero su bianco sotto il mio nome e alla giovanissima epoca di gestazione non sono affatto allarmanti, mentre in altri si. Magari non siamo tutti uguali, magari c'è un fattore geografico concomitante e le americane certi valori ce li hanno più bassi, mentre le francesi e le italiane no, schizzano subito in altro. E mi ero promessa che la parola beta non la dicevo, ma ora forse l'ho fatto. Ho davvero detto beta? Troppo tardi, l'ho detto. 


Che poi io le beta non le avevo mai fatte prima, ho avuto una gravidanza da persona ignorante, incosciente e soprattutto inconsapevole dei propri limiti e del poco spazio che avesse da offrire all'abitante. Sto giro, se dovesse davvero girare, mi toccano molte paturnie, non solo per la difficoltà ad arrivare a questa nuova seconda lineetta del test, ma per tutti gli scenari che si prospettano da qui in avanti. Alta frequenza di aborti anche tardivi e parti prematuri che vanno a braccetto con un utero unicorne. Ma mi dico anche che sapere di avere questa condizione è già un grandissimo vantaggio, perchè magari quelle cose lì succedono a chi non sa, forse dovremo ringraziare un giorno di non esserci riusciti con tutta questa facilità, forse l'altra volta abbiamo danzato sul fuoco.
Magari un giorno qualcuno me lo dirà  che sono stata brava, che non mi sono fermata ad ascoltare chi diceva, just relax e ho voluto indagare e analizzare. Ad analizzare sono brava. E' a tirare le fila che faccio schifo.

Io comunque sto bene. Fin troppo. Zero (o quasi) nausee, e leggendo c'è chi dice che la nausea è direttamente correlata al livello di beta. Appunto. Che poi quando mi chiedevano della prima gravidanza dicevo che ero molto sorpresa che nonostante il periodo devastante sul piano emotivo, fisicamente stavo bene. Certo stanca e provata, ma zero nausea, zero vomitilli, zero disturbi tipici della gravidanza. NEanche il male alle tette per dire. Ho sempre pensato che la devastazione dell'anima mi distraesse dalle sensazioni del corpo. Invece forse chissà sono fatta che posso avere delle gravidanze anche con le beta basse.

Domani le ripeto e martedì la prima ecografia. Ed è prestissimo quindi può essere che non si veda niente ma che vada comunque tutto bene. Dice fidati del tuo corpo e delle tue sensazioni, se sta andando bene il tuo corpo lo sa.  Io ho troppe sensazioni per poter capire quale sia  quella giusta. NOn so se aveva ragione chi mi ha detto che desidero un figlio anche per recuperare il contatto con mia madre che se ne è andata all'inizio della prima , magari è vero e quelle sensazioni nefaste che sento sono il flashback di quello che fu, è il lutto che cova.
Fatto sta che ho ricominciato a rileggere le mail di quel periodo, in cerca del racconto dei sintomi e di un contatto con quella me che sentiva che tutto sarebbe andato bene e invece questa volta non ne è così certa.

17 comments:

  1. E allora cautamente mi spingo a dirti congratulazioni! Più si desidera qualcosa e più si è cauti nel pensare di averla raggiunta, si teme che tutto possa svanire, è normale.
    Io non ho avuto alcun sintomo, come te, non ho neanche mai guardato le famose beta. Posso immaginare che per il secondo figlio sia diverso, ma ci sono tutte le carte per dire che sarà molto molto meglio, siete in tre questa volta ad aspettare :)
    Vi abbraccio!

    ReplyDelete
  2. buongiorno squa cauta. io in questi frangenti mi metto in modalità "gioia speranzosa sussurrante a bassa voce", così per non disturbare chi laggiù sta lavorando assorto e meticoloso nelle profondità. Intanto vi lascio un grande e caldo abbraccio, a voi tre e alla scimmietta arrampicata al tuo utero a banana! :-*

    ReplyDelete
  3. hurrah per la seconda linea! Anche a casa mia, dove la paturnia era sport nazionale, si diceva che le cose capitano a chi non ci pensa. Nemmeno io ho le nausee, peraltro, e a queste latitudini nessuno parla di beta. Così, a beneficio di inventario. Un forte abbraccio

    ReplyDelete
  4. Anch'io ti faccio tante caute congratulazioni e un enorme in bocca al lupo!!
    Le beta, come saprai già meglio di me, sono così soggettive che se dovessi tornare indietro non so neanche se le farei!
    Comunque io non mi sono considetata incinta fino alla prima visita in cui abbiamo visto il cuoricino <3 parlando di cautele ;)
    E anch'io zero sintomi, tanto che una volta sono andata al p.s. ostetrico xché stavo troppo bene ^^' Parlando di ansie...
    Qui ci sono penne e piume incrociate x voi!!!

    ReplyDelete
  5. Conosco fin troppo bene la danza delle beta quindi ti dico solo che ti abbraccio forte forte e ti mando tantissima energia positiva!!

    ReplyDelete
  6. Cautamente incrocio le dita per te!

    ReplyDelete
  7. Incrocio tutto e spero che una piccola scimmietta sia attaccata forte alla banana.

    ReplyDelete
  8. Ti leggo da poco, ma un po a bassa voce ti faccio un grosso in bocca al lupo!

    ReplyDelete
  9. non c'è più nulla da aspettare, tutto si è tinto di vermiglio, i valori sono crollati, pur con numeri molto belli. Mi affascinano i numeri. Mi aveva affascinato quel 181, numero primo e palindromo, mi aveva dato speranza. Seguito da quell'88 tutto tondo, che non lascia speranza alcuna, ma è così dannatamente bello in se stesso che voglio trovarci qualcosa di magico, un messaggio soprannaturale. E' ufficiale, sono davvero impazzita!

    Era stato messo in conto, la statistica non mente, anche se ammetto che in un luogo recondito mi dicevo perchè noi? non ora, siamo già abbastanza aciaccati e malconci. 1 su 3 non ce la fa, quell'uno evidentemente dovevamo essere noi, forse proprio perchè siamo acciaccati e malconci, del resto. Mi lascio ondegiare ancora un filo più giù, arriverà un momento in cui troverò un qualche senso.

    La cosa più insopportabile è questo pozzo nero. Il pozzo biochimico del tracollo ormonale, tutto si è fatto nero e irrisolvibile. So bene che passata la bufera tornerà ilsereno, ma sentire la bufera nelle viscere è orribile.

    Mi sono domandata con stupore come sia possibile che mi venga voglia di affidare pensieri così intimi a questo luogo, ma sospendo il mio stupore, il senso di colpa e di vuoto. L'immagine della scimmietta mi ha strappato, nonostante tutto, un bellissimo sorriso, vi ringrazio dei pensieri. Di cuore.

    ReplyDelete
  10. oh. ti abbraccio anche io. meg

    ReplyDelete
  11. oh squa, leggo solo ora. quanto mi spiace. ti abbraccio forte. forte forte.

    ReplyDelete
  12. Si capisce quanto sia importante per te un secondo figlio, e mi dispiace, in barba alle statistiche. Forse dei test tanto precoci finiscono con l'aumentare l'ansia di chi desidera una gravidanza così fortemente. Mettetecela tutta finché rientrerete nelle statistiche positive...

    ReplyDelete
  13. ooooh Squa, non avevo letto questo post: evvivaevvivaevviva (detto a bassa voce e in fretta cosi non ci sente nessuno ;-))
    Fai bene a vedere il lato positivo: ora sapete che dovete tenere tutto controllato bene, ma non c'e' motivo per cui non debba andare tutto liscio. Una mia ex collega aveva l'utero come il tuo e ha due bellissime bambine :-)

    ReplyDelete

Io lo so cosa stai pensando.
Lo scrivo, non lo scrivo, quasi quasi lo scrivo. Ma no dai...
E' lo stesso che penso anche io quasi ogni volta.
Ma tu prova, prova a lasciare una traccia.
Non sarà invano.

Prova pro-pro-prova