10 November 2014

La caffettiera, metablogica e un nuovo post dei post

Sono un vulcano...
eccomi qui, ancora in risalita forte e chiara, un bimbo febbricitante che ho appena accompagnato al riposino, un chercheur via per per quattro giorni ad una conferenza. Seduta ad un pc che va a carbone,eccomi,  io sono un vulcano. Potessi, mi chiuderei in casa a scrivere. Le rare volte che mi viene questo fuoco comunicativo, immagino una stanza da letto, una scrivania e una finestra sul mare. E io che scrivo, scrivo scrivo.....


Da dove comincio? Dal vulcano. Perchè sono sempre così? O niente o tutto, un tutto da non riuscire a mettere i pensieri in fila, a non riuscire a domare le parole? Sarò mica bipolare? Ho chiesto alla Matrioska l'altro giorno. SI è messa a ridere. Ah la MAtrioska. Ci starebbe anche lei nei miei pensieri scritti. Elogio di una Matrioska si intitolerebbe quel pensiero fatto a post.


E adesso, un respiro grande, un po' di metablogica e poi un post dei post.


Dove va questo blog? Cosa fa? Di cosa parla? Che toni ha? Non ne ho idea. Di tutto un po' e va benone così. Non ho per fortuna questa smania che mi si legga, mi si segua. La smania che ho è di esprimermi. Di tirare fuori cose che stanno lì a far muffa e corrodere gli animi. Di condividere. DI trovare anime gemelle. Quello si.

Di cosa continuerò a parlare? Del più e del meno? Di burnout (o quello che fu?), di depressione, della psicoterapia, di famiglie disfunzionali e malattia mentale, di conciliazione scontenta. Di bilinguismo e fatica, quanta fatica.

A volte però mi piglia un brivido... e se provassi ad impegnarmi un po' di più? E se provassi a coltivare quell'interesse che sta premendo e ne facessi qualcosa di più strutturato? Saprei domare il mio caos e darmi dei limiti? Un giorno magari potrei essere anche io una casalinga con bonus, una felice donna a casa con un bell'interesse da coltivare. In tante(i?) ci provano, magari non funziona, ma magari stai bene lo stesso. Mha.



L'ultimo post dei post non è rimasto del tutto nell'aria, poi alcune cose le ho scritte davvero, alcune no, altre se ne stanno lì in draft, in forme più o meno compiute. Ho 72 post in draft. Io sono la donna-draft! Parecchi sono abbozzi, cose che premevano e non hanno trovato la giusta luce. Alcuni post sono belli che finiti, ma non c'è più la luce giusta o chissà che cosa. IO non sono tipa da programmare post. Qualche volta l'ho fatto ma niente non funziona. Il click deve essere una cosa del momento. Se al momento del click lo spirito non è lo stesso del post allora non se ne fa più niente. Immagino sia così per molti. Io però penso che "costringermi" a scrivere qualcosina oggi giorno sarebbe terapeutico. Una sorta di meditazione. LA ricerca della calma giusta, del "la" della scrittura. Non è sempre possibile assecondare l'ispirazione del momento ed è un vero peccato. Se potessi scrivere quando mi preme l'ispirazione, sarei felice. Se fossi una persona meno caotica avrei un taccuino dei post che nascono lontano dalla tastiera. E sarei una donna meno caotica e più felice. Scrivere mi fa un gran bene. Nonostante io stia perdendo la grammatica, l'ortografia, il mio italiano tutto.

Oltre a finire o pubblicare quelli che già sono in draft, ma di quelli oggi non ne parlo, bisognerà che mi somiglino di nuovo... Ecco, se potessi avere tutto il tempo e la pace e l'ispirazione non mi abbandonasse, questi sarebbero i pensieri di cui scriverei:

  • Lettera ad uno pseudo-stalker
  • che andrebbe insieme o forse no insieme ad un altro molto tosto intitolato: Molestate
  • I signori che guidano i tram
  • Ti voglio bene come il mare, che però poi è stato messo in crisi da:
  • Ci mancava solo Edipo
  •  Yin &Yang
  • che fa il paio con Squabus litiga! Ed è lo stesso serena

Sono poi mica tanti a ben vedere... Ma siccome sono un vulcano, invece ora vado a leggermi un libro, tanto Il Pistacchio tra pochissimo si sveglia!
Volete mica votare il vostro preferito?

Lo sentite questo rumore di caffettiera? SOno io! C'ho un vulcano in petto!!!

13 comments:

  1. Il mio voto va a: ... ... ...
    Yin &Yang

    ReplyDelete
    Replies
    1. C'era anche la suspense! !
      :D

      Delete
    2. Dovresti “obbligarti” a scrivere :) Qualche mese fa ho letto questa massima veramente “Non si scrive quando si ha l’ispirazione ma si ha l’ispirazione perché si scrive” e mi sono reso conto che è così.

      Delete
    3. si! probabilmente va nei due sensi! Si può scrivere cavalcando l'ispirazione dell'istante, oppure concentrarsi e cercarla.

      Delete
  2. Il vulcano, la caffettiera, il post dei post ... qui ci si distrae un attimo e succede di tutto! :)
    Che bello passare qui e vedere tutti questi progetti, devo proprio ricominciare a scrivere, mi hai fatto venire una gran voglia.
    Io voto per "ti voglio bene come il mare".

    ReplyDelete
    Replies
    1. Su si dai dai... un post ogni tanto, senza impegno! !!

      Delete
  3. non puoi chiedermi di sceglierne solo uno: io voto tram, mare e Squa gaia litigiosa! besos!

    ReplyDelete
  4. Torno per salutare l 'effervescenza del vulcano, bella! Io non so scegliere.. Tutti!!! :) meg

    ReplyDelete
  5. Ciao Meg!!!
    E tu? Come stai?

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ciao!!! Sto bene ma continuo a tenermi un po sul bordo della blogsfera. Se mi sblocco ti scrivo volentieri! Un abbraccio, meg

      Delete
  6. ma che bello questo vulcano! dura scegliere, spero che piano piano tu li scriva tutti, ma Squabus litiga! Ed è lo stesso serena è quello che vorrei leggere prima. Un bacio!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Fatto! mi è uscito molto animale, pazienza!
      Io mica davevro pensavo che avreste votato, ma ringrazio perchè mi ha spronato alla liberazione.
      Ne restano ancora parecchi, e sono i più tosti...

      Delete

Io lo so cosa stai pensando.
Lo scrivo, non lo scrivo, quasi quasi lo scrivo. Ma no dai...
E' lo stesso che penso anche io quasi ogni volta.
Ma tu prova, prova a lasciare una traccia.
Non sarà invano.

Prova pro-pro-prova