18 December 2014

invece

Squabus respirava molto profondamente da giorni e giorni. Sferruzzava e respirava fondo visualizzando una forte energia mistica e natalizia e facendola sua. Squabus ogni anno intorno al solstizio invernale subisce un incantesimo scuro e vischioso e si perde, più ancora del resto dell'anno. Squabus ha deciso che quest'anno invece no e sperava che respirando e visualizzando, visualizzando e sorridendo, si sarebbe sentita abbastanza forte al momento della partenza. Mancavano ancora cinque giorni, da visualizzare anche sul calendario dell'avvento di lana e cartoncino riciclato, quello dei biscotti e della pasta e del pacco degli yogurt quello da sedici. Il primo calendario dell'avvento della sua storia . Cinque giorni intorno all'albero di natale più strano del mondo. Il primo albero di natale della sua storia familiare, quella nuova.

E invece. E invece il nonno de chercheuris si è sentito poco bene, proprio mentre la nonna de chercheris era in ospedale per un'operazione. E allora squabus, il chercheur, con al seguito un piccolo pistacchietto felice di "andare a Italia" e anche un po' confuso che oggi non è la lana del 23 che tiriamo, perché erano 18 giorni che parlavamo di quel giorno lì per andare a Italia.


E allora non c'è più tempo per respirare preventivamente, tocca respirare dentro e confidare nella saggezza dei momenti di emergenza. Anche se Squabus questo déjà vu che ha provato nel fare le valige a tempo record gliel'ha spezzato il fiato. Anche se il nonno si è già ripreso, la nonna si rimetterà in piedi prestissimo perché è di fibra forte. Squabus ha pensato a chi in piedi non avrebbe voluto rimettersi neanche potendo.

Per un attimo ha sentito una vertigine al toccare con mano la solidità della famiglia de chercheuris...
Squabus è annegata un attimo in un mare di lacrime invisibili poi le ha invisibilmente asciugate. In questo istante guarda il mare nizzardo che tante volte ha lenito I suoi pensieri. Tra poco arriveranno le gallerie del confine ed un silenzio radio riempito di lana e collane e guantini....

Squabus spera che la forza del respiro sia con lei.
A risentirci dall'altra parte del confine.


8 comments:

  1. Un immenso abbraccio, di certe prove si farebbe a meno ma averle attraversate insieme spero ti abbia sostenuto!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Grazie Robin! !!! Un abbraccio

      Delete
  2. Mi colpisce la tua osservazione sulla nonna che si rimette in piedi e che ti fa pensare a chi non lo fa, ma è qualcosa che ti fa sentire meglio o peggio? O tutt'e due? Forza e coraggio, sono d'accordo con Robin, riprendi a respirare adesso <3

    ReplyDelete
    Replies
    1. Sono molto contenta per la nonna che ce la fa, ma -e me ne vergogno molto- la sua forza mi arriva come uno schiaffo a ricordarmi chi quella forza non l'aveva e nessuno di noi è riuscito ad aiutare.

      Delete
  3. Io spero che le prossime finestrelle del vostro bellissimo avvento vi trovino sereni, con forza e respiro a posto e impegnati a celebrare i nonni cherceris. Buon arrivo oltralpe!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Anche io, lo spero proprio tanto

      Delete
  4. Replies
    1. Antonella che piacere! !! Ti abbraccio anche io!

      Delete

Io lo so cosa stai pensando.
Lo scrivo, non lo scrivo, quasi quasi lo scrivo. Ma no dai...
E' lo stesso che penso anche io quasi ogni volta.
Ma tu prova, prova a lasciare una traccia.
Non sarà invano.

Prova pro-pro-prova